L'immagine mostra una persona che lavora al pc

I social media trend del 2019/2020

Siamo ormai arrivati a fine anno, come sempre la pianificazione dei contenuti è fondamentale e quindi perché non fare il punto dei social media trend del 2019 e del 2020? Trovare ispirazione è molto importante e, se anche tu sei alla ricerca di nuove idee, questo recap potrà sicuramente aiutarti!

In questo modo potremmo vedere insieme se, tra le nuove tendenze, c’è qualche social media trend da integrare nella tua attuale strategia di content marketing.

 

VIDEO STRATEGY

 

Video strategy uno dei social media trend più importanti del 2019

 

Partiamo da una grande conferma: i video! Proprio così, il formato video si conferma essere uno dei più utilizzati per promuovere se stessi e il business che si gestisce.

Sempre più imprenditori, liberi professionisti e influencer producono video in cui condividono contenuti coinvolgenti per il pubblico che li segue, per intercettare nuovi follower e possibili clienti.

Una strategia di video interessante che garantisce buone probabilità di successo deve essere prima di tutto costante. Non serve a niente,  in termini di conversioni, pubblicare un solo video promozionale o di presentazione e poi aspettare mesi prima di condividere altri contenuti di questo tipo. Oppure, ancora peggio, aprire un canale Youtube e postare sporadicamente. Mi piace sempre ricordarmi una frase in queste circostanze:

“Content is the king, but perseverance is the queen”

Ovvero il contenuto sarà pure il re, ma la costanza è la regina. Direi che come frase rende abbastanza bene l’idea di quanto essere costanti nel postare sia importante.

Ciò, ovviamente, non significa che sia obbligatorio girare video tutti i giorni, magari rischiando di condividere contenuti deboli o monotoni pur di mandare in rete qualcosa, è necessario anche in questo, un po’ di buon senso.

Ecco un paio di accorgimenti:

  • Condividere video con contenuti di valore, quindi utili per l’utente.

 

  • Postare video almeno 3 volte alla settimana, per cercare di garantire una continuità e un appuntamento fisso con la vostra community.

 

  • Regolarsi per la lunghezza dei video. Idealmente dovrebbe essere un  tempo compreso tra i 4 ed i 10 minuti. In realtà io su questo tema non mi sento di “imporre” un certo numero di minuti. Per una questione pratica è più semplice fruire un video di breve durata, ma questo non è applicabile in tutti i casi, basti pensare alle casistiche delle beauty blogger che propongono video di make up elaborati che necessitano quindi di tempi maggiori rispetto al classico numero di minuti consigliati (ad esempio ci sono tutorial da 15 minuti) e sono comunque seguitissimi. Quindi torniamo sempre alla regola aurea per eccellenza: contenuti che interessino, ovvero di valore per il vostro pubblico, che soddisfino una loro esigenza implicita o esplicita.

 

LE STORIES

 

Spesso può capitare di essere indecisi sugli argomenti da trattare e una buona strategia è quella di ricorrere ad un altro formato video che ormai tutti avranno sentito nominare: le stories!

Un’altra importante conferma tra i social media trend del 2019/2020 sono i contenuti che durano 24 ore, per l’appunto come le stories. È possibile anche salvare e mettere in evidenza questo tipo di contenuto nel caso si volesse mantenere nel proprio profilo: infatti, bisogna ricordare che le stories sono uno strumento fondamentale per interagire con la community.

Un esempio? L’utilizzo dei sondaggi, delle domande e dei quiz  grazie ai quali puoi sistematicamente interrogare le persone che ti seguono per sapere cosa pensano dei tuoi contenuti oppure quali argomenti, attinenti al tuo profilo, gli piacerebbe che trattassi.

In una buona video-strategy, infine, non dovrebbero mancare le dirette  (la cosiddetta modalità “Live” o “Live streaming”) che rappresentano un momento di confronto con gli utenti che hanno scelto di seguirti e che possono rivolgerti domande, darti suggerimenti etc.

 

INFLUENCER MARKETING

 

L' influencer marketing è uno dei social media trend del 2019

 

Si, magari in questo momento starai pensando: “Niente di nuovo, l’influencer marketing è ormai una prassi consolidata.” Hai ragione a metà, nel senso che, all’interno di questa tendenza ne sta prendendo silenziosamente piede un’altra, cioè quella dei MICRO – INFLUENCER.

Se n’è parlato anche gli scorsi anni, qualcuno storceva il naso incredulo, ma i micro- influencer si stanno rivelando una risorsa davvero valida per le aziende. Questo perché, citando Matteo Pagliani, blogger, social media e web strategist:

“I micro-influencer rappresentano il volto dell’influencer marketing più vicino e affine agli utenti. Il loro essere così simili alle persone a cui si rivolgono li rende affidabili, familiari, ma soprattutto credibili”.

Potete trovare il suo intervento qui, su www.talkwalker.com .

 

VOICE POWER

 

I podcast sono uno dei social media trend del 2019. Nella foto è raffigurato un microfono per registrarli.

 

La voce, coerentemente con il fatto che la ricerca vocale è tra i più  importanti social media trend del 2019/2020, sarà una grande protagonista. I contenuti di tipo audio, i podcast, sono tra le tendenze più popolari da prendere in considerazione nel nuovo anno. 

Alcuni pionieri potrebbero già aver implementato questo tipo di contenuto nella loro strategia di content marketing, mentre altri sarebbero dubbiosi in merito perché fino a poco tempo fa guardavano ai podcast come un formato già superato.

In realtà sembrerebbe, invece, che da una parte la saturazione della schermo, dall’ altra il fatto che a molti di noi piace intrattenerci mentre facciamo altro (ascoltiamo musica mentre andiamo a lavoro, riordiniamo o cuciniamo), renda il terreno estremamente fertile per i contenuti di tipo audio che possono essere implementati su diverse piattaforme, scaricati e fruiti dall’ utente quando meglio lo ritiene opportuno. Niente male come soluzione, vero?

 

THE WALKING DEAD… NOT SO DEAD!

 

Utilizzare Twitter è uno dei social media trend del 2019. Nella foto sono raffigurati i loghi di Twitter e di Facebook.

 

Titolo un po’ estremo, ma rende bene il concetto, almeno secondo me. Vorrei raggruppare qui tutte le tendenze che in molti davano per spacciate e che, invece, si stanno rivelando importanti canali sui quali continuare a investire tempo ed energie:

  • Twitter: è il luogo dove gli esperti interagiscono ed espongono le loro opinioni, non di rado puoi avviare con loro una conversazione o comunque intercettare persone con interessi comuni ai tuoi con le quali fare networking.

 

  • I Blog: strumenti fondamentali per comunicare al tuo audience non solo chi sei e di cosa ti occupi, ma anche tutte le novità che ti riguardano, il tuo know-how sul tema che hai scelto di trattare  e nel quale ritieni di essere competente.

 

  • L’ email marketing: si riconferma essere un ottimo modo per costruire relazioni di medi-lungo termine con la community e informarla di tutte le novità sul tuo business. Anche qui è fondamentale rispettare gli utenti, evitare lo SPAM e, soprattutto, essere in regola con il GDPR, ovvero il regolamento sulla protezione dei dati personali.

 

PURPOSEFUL CONTENT

 

L'immagine mostra una serie di mani unite simbolo della cooperazione, alla base dei purposeful content, un altro social media trend del 2019

 

Eccoci arrivate ai miei social media trend preferiti:

 

  • purposeful content 

 

  • brand purpose/ mission 

 

  • social activism

 

Letteralmente si tratta di contenuti con un scopo che può essere legato ad una causa cara al brand oppure all’ attivismo sociale e ambientale, tanto per citare degli esempi . I purposeful content sono quei contenuti che non solo nascono per un motivo ben preciso, ma esplicitano la connessione tra la causa scelta e la mission di un determinato brand (o di un imprenditore, libero professionista o un influencer) che quindi influenza notevolmente la scelta di un consumatore.

Oggi, i valori dei brand devono collidere e avvicinarsi sempre di più a quelli dei loro clienti, creando empatia.

Riprendo le parole di Giacomo Lucarini, blogger, esperto di social media e comunicazione, digital strategist:

 “C’era una volta il brand purpose, la ragion d’essere di un marchio.

Oggi però, per arrivare al cuore del consumatore, non importa quanto bene ti posizioni. Importa schierarsi, trasformare marketing e comunicazione in una lettura/scrittura della realtà. In modo autentico e credibile, però: salire sul carro del trending topic è l’anticamera dell’epic fail. Il social activism diventa brand activism: esprimere significato viene prima del generare profitto. In quest’epoca, comprare significa sostenere un marchio, soprattutto per quello che rappresenta. Netflix, Starbucks, Lush sono alcuni esempi di questo “soul branding”: prendono posizione, portano avanti istanze, non hanno paura di affermare i valori in cui credono, anche in modo potenzialmente controverso.

In un’epoca dove possiamo avere tutto, le aziende devono metterci (e darci) l’anima.”

E citando anche a Pier Luca Santoro , project manager,che a tal proposito:

“La gente si aspetta sempre più che i brand influenti forniscano qualcosa che va oltre il prodotto o servizio che offrono e promuovono. Le marche devono essere parte di qualcosa di più grande, di più rilevante. Questo significa che devono giocare la loro parte nella società, nella cura per le persone e il pianeta, e instillare, esprimere e ispirare un insieme di norme e valori. La gente vuole rispecchiarsi nelle marche che sceglie, e quando il brand prende posizione vince.”

Trovate entrambi gli interventi, insieme a quelli degli altri esperti del settore, qui.

Per concludere, ci tenevo a precisare che questi sono solo alcuni tra i social media trend del 2019/2020. Non volevo scrivere un articolo eccessivamente lungo (fail) e, allo stesso tempo, ci tenevo a soffermarmi su quelle che, a mio parere, sono le tendenze più interessanti di quest’anno da implementare in una strategia di social media e content marketing.

Spero che questo articolo possa servirti e possa fornirti degli spunti per la tua strategia. Mi raccomando, ricorda che è importante sperimentare e non avere paura di mettere in pratica nuove idee e intuizioni.

 Magari se ti va, fammi sapere se anche tu utilizzi già uno di questi trend, quale e se hai notato un coinvolgimento maggiore da parte delle persone che ti seguono. Per altri suggerimenti continua a seguire il viaggio attraverso le narrazioni e condividi il tuo percorso. 

Per ora, ti auguro una buona programmazione del piano editoriale, con i nuovi social media trend!

 

L'immagine rappresenta un calendario utile per pianificare i contenuti con i social media trend del momento 

Share this!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *